Passa ai contenuti principali

Il cieco di Gerico

Le guarigioni di Gesù vanno oltre il beneficio del corpo. 


Il cieco di Gerico
Un giorno Gesù andò a Gerico, una città della Giudea.

Mentre usciva dalla città incontrò un uomo cieco, il suo nome era Bartimeo ed era un mendicante.

Ecco come avvenne l’incontro.

Bartimeo era seduto, come al solito, lungo la strada principale della sua città.

Mentre era intento nell'individuare i passanti per chiedere qualche spicciolo, sentì venire come una folla in festa che acclamava Dio.

Il cieco domandò a qualcuno riguardo a ciò, e gli fu risposto che Gesù stava passando da lì, diretto a Gerusalemme.


Bartimeo aveva sentito parlare di Gesù, che guariva tutti gli ammalati e gli infermi che accorrevano a lui.

Così iniziò a gridare: “Gesù, abbi pietà di me... Gesù, abbi pietà di me!”.

Ma, difficilmente Gesù avrebbe potuto sentire il suo grido per il frastuono che la folla faceva.

Le grida del cieco disturbavano le persone lì presenti: "Stai zitto e non disturbare il corteo in festa, sicuramente Gesù non ha tempo per te".

Ma Bartimeo non si lasciò scoraggiare e gridò ancora più forte: “Ti prego Gesù, abbi pietà di me!”.


Alla fine, Gesù udì Bartimeo e comandò che gli fosse condotto davanti.

I discepoli andarono da lui, dicendogli: “Stai calmo! Vieni, Gesù ti vuole vedere”.

Così, lasciato per terra il suo mantello, si presentò da Gesù, il quale gli domandò: “Cosa vuoi da me?”.

"Fa che io ricuperi la vista!”, disse il cieco.


Gesù disse: “Recupera la vista! Vai, la tua fede ti ha salvato!”.

Improvvisamente Bartimeo ricuperò la vista e con grande gioia si mise a seguire il Signore insieme agli altri.

Così Bartimeo sperimentò l’amore di Dio, ricevendo la consapevolezza che Gesù si sarebbe sempre preso cura di lui.


Quando una persona incontra Gesù, sperimenta il suo amore e la sua potenza, lo segue e non si preoccupa più del suo futuro, perché sa che Lui si prenderà cura di ogni suo bisogno.

Tratto dal Vangelo di Marco 10:46-52

Commenti